Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa vivere un’esperienza positiva sul nostro sito.
Cliccando OK ci confermi che sei d’accordo con l’utilizzo dei cookie a tale scopo. OK APPROFONDISCI

Franco Angioni

Generale dell'Esercito

Franco Angioni


Nato a Civitavecchia (Roma) il 25 agosto 1933 Franco Angioni entra alla Scuola Militare Nunziatella all'età di 16 anni e da quel momento inizia la sua carriera nell'esercito. Dopo la nomina a comandante degli incursori, si trasferisce prima negli USA dove frequenta la scuola dei Rangers, poi in Canada e infine in Gran Bretagna. Dopo l'esperienza all'estero, all'età di 32 anni torna in Italia e la sua carriera si distingue sia per i numerosi successi sia per il suo straordinario stile di Leadership.

Dal 1982 al 1984 guida la prima storica missione di pace dello Stato Italiano all'estero come Comandante del contingente italiano della forza multinazionale in Libano L'intervento in Libano, durante il quale sia le forze americane che quelle francesi subirono gravissime perdite in seguito a due attentati, diventa grazie alla leadership di Angioni un modello cui si riferirono anche le successive missioni italiane all'estero. L'approccio del generale, infatti, fu quello di spingere i propri soldati a conoscere la cultura locale, questo permise agli italiani di comprendere le ragioni delle parti e proporsi come forza di interposizione, piuttosto che come l'ennesimo contingente straniero in terra libanese.

Nel corso della sua carriera militare, Angioni ha ricoperto incarichi di prestigio, quali: il comando del III Corpo d'armata di Milano; la presidenza del Centro Alti Studi per la Difesa (CASD); il comando delle Forze Terrestri Alleate del Sud Europa di Verona (FTASE). E' stato inoltre il Segretario generale e direttore nazionale degli armamenti presso il Ministero della difesa; Presidente del Consiglio dell'Ordine Militare d'Italia; Segretario della Commissione Difesa ed è stato membro della delegazione parlamentare presso l'assemblea Nato.

Terminata la carriera nell'Esercito si è dedicato alla vita pubblica e grazie alla sua vastissima esperienza nella gestione delle crisi e delle persone è diventato una vera autorità nella teoria e nella pratica della Leadership tanto che per questo esempio straordinario è oggi testimonial in conventions aziendali, eventi internazionali e congressi.